Test Kinesiologico - perché è fondamentale per non sbagliare?



Kinesiologia deriva dal greco e significa kinesis = movimento più logos = scienza e cioè “studio del movimento”.

Tramite questa disciplina, mediante semplici test muscolari, è possibile ottenere informazioni sulla condizione dell’individuo a livello fisico, mentale, emotivo e biochimico-nutrizionale. Il presupposto di base è che sia la saggezza istintiva del corpo a manifestarsi con la reazione di alcuni muscoli assoggettati a un determinato sforzo.

La valutazione della forza dei muscoli presi in esame permette di diagnosticare la situazione energetica intesa sia come carenza che eccesso, per cui le eventuali disarmonie che potrebbero portare a disfunzioni o malattie.

Questo tipo di test si avvale di un particolare riflesso muscolare, documentato scientificamente (Metzger-1-) per cui quando il corpo entra contatto con una sostanza che l’organismo riconosce come “non valida”, si determina un calo di forza muscolare che si tratti di alimento o altro (fiori di Bach, fiale specifiche).

Si pensa che questa reazione sia dovuta alle emanazioni energetiche della sostanza la quale essendo riconosciuta come “non buona” sarebbe in grado di disturbare l’energia organica influenzando gli impulsi nervosi.

Se invece ciò che si afferma è la verità, oppure ciò che si tocca è benefico per il sistema, i muscoli interessati risulteranno forti e lo sforzo minimo.

Il nostro corpo risuona in accordo con determinate vibrazioni e si trova in disaccordo con altre, rilassandosi con le prime e stressandosi con le seconde.

Per poter effettuare il test le condizioni necessarie sono la sufficiente quantità di energia vitale e buona idratazione.

Per quanto riguarda gli animali è possibile, anzi indicato, utilizzare il test che ovviamente non avviene in presenza, ma a distanza.


Silvia Crisci

36 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Categorie

Articoli Recenti